La conferenza stampa dal duplice significato; da un lato l’addio del patron e dall’altro, il benvenuto alla nuova società con un capitale solido alle spalle, non sono bastati evidentemente per eliminare lo scetticismo che circola ancora intorno al tifoso rosanero. Sui social ancora affermazioni di incredulità, ancora dubbi che Zamparini, abbia semplicemente ‘affittato’ la squadra a dei momentanei advisor, nell’attesa che un nome esca al più presto fuori. Qualcuno afferma tramite social, di aver trovato sincerità soltanto nelle parole di Platt: “sono qui per dare una mano, per il futuro di questa squadra; l’importante è mantenere il primo posto” ; poi tutto tace… parole non chiarificatrici; si è tanto parlato, ma nessuno ha rivelato concretezza sui fatti. Soltanto alcuni (pochissimi per la verità) tifosi palermitani, hanno voluto esprimere tutta la loro fiducia in questa operazione, l’ennesima di un patron che negli ultimi anni, non ha mai dato chiarezza alla gente; eppure qualcuno crede, che questa volta stiamo parlando veramente dei titoli di coda, di un matrimonio durato 16 anni, tra alti e bassi. Come può il tifoso palermitano avere ancora dubbi sulla cessione del Palermo? Beh, il quesito è connesso alla storia; siamo figli dei nostri tempi che, diciamo la verità, sono stati inondati da apprensione, per cui forse è anche giustificabile questo atteggiamento scettico da parte di qualcuno, che in realtà, rappresenta la maggioranza. Il tempo può essere, in questi casi, la medicina giusta, tuttavia oggi possiamo affermare che le sfumature negative del nostro pensiero, a riguardo, sono più che comprensibili. Spesso la gente non ha mostrato troppa pazienza; richiede subito la verità, come sta accadendo anche in questi lunghi e spasimanti giorni di attesa infinita; se’ l’attesa del piacere è essa stessa il piacere’ non ci resta dunque che pazientare, con la viva speranza che l’attesa,porti stavolta, ad un duraturo e dolce risultato.

MANUELE NASCA

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE