Palermo grandi giochi
Richardson e Treacy parlano con la York Capital e l’italiana Carisma, ma vogliono 1,2 milioni di euro di buonuscita. L’a.d. su un’altra cordata americana
Oggi l’ad presenterà l’offerta di 5 milioni di questi finanziatori dell’ultima ora
La via estrema è ridiscutere con tutta la squadra i contratti e gestire l’emergenza

Questo il titolo della Gazzetta dello Sport , oggi in edicola

Nel suo articolo Fabrizio Vitale fa il punto di tutte le trattative che al momento sembrano ruotare intorno al Palermo con una idea molto chiara e cioè che “il Palermo per sopravvivere ha bisogno di essere ceduto“.
Gli inglesi Richardson e Treacy trattano con gli americani di York Capital e la holding italiana Carisma Spa mentre gli avvocati di Zamparini fanno fretta a Sport Capital Group.
I principali ostacoli da superare sembrano essere due e cioè il famoso corrispettivo di 1.2 milioni e la possibilità di visionare la situazione finanziaria degli ultimi due mesi.
Rispetto al corrispettivo gli americani sembrano assolutamente contrari e ciò sicuramente allontana i tempi di una eventuale positiva conclusione della trattativa entro il 18.
In questo senso nasce la soluzione interna ipotizzata da Facile che ieri avrebbe comunicato al direttore sportivo Foschi di essere in contatto con un fantomatico gruppo americano pronto a versare subito 5 milioni in soccorso del Palermo. Un’altro gruppo quindi che non è York Capital la cui identità potrebbe essere oggi annunciata da Facile che proprio ieri dichiarava la possibilità di fare un importante annuncio nella giornata odierna.
Ma, scrive il giornale, esisterebbe una terza possibilità cioè quella di ridiscutere il contratto
“….ridiscutere il contratto dei giocatori, abbattendo del 50 % gli stipendi, parte che andrebbe recuperata nel premio salvezza. Un’idea che appare di difficile applicazione”

In chiusura un accenno alle voci relative a Preziosi che starebbe osservando da lontano, per farsi un’idea sulla possibilità di un intervento che tuttavia al momento resterebbe soltanto un pensiero.
.

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE